Come investire i propri risparmi nel modo migliore

Se sei un piccolo risparmiatore che vuole lanciarsi nel mondo della finanza, ti sarai accorto del marasma che regna: sempre più asset e prodotti, molti modi per comporre il portafogli, miriadi di broker sia sul web che tradizionali. Cerchiamo quindi di fare un po’ di chiarezza, leggi la nostra guida all’investimento dei propri risparmi.

Conti deposito

Gli investitori con basso profilo di rischio potrebbero optare per i conti deposito; certo, le percentuali di rendita non sono altissime ma dall’altro lato si tratta di una puntata sicura, poiché fino a 100.000 euro sono coperti dal Fondo Interbancario di Tutela Depositi. Inoltre, rivolgendosi a istituti di credito online è possibile ottenere tassi più alti e spese praticamente nulle. Un’ottima soluzione per coniugare risparmio e guadagno.

Fondi di investimento

Un’altra opzione interessante è quella dei fondi di investimento, che fanno parte della più ampia categoria del risparmio gestito. Tramite i fonti hai un’adeguata diversificazione del capitale e un’ampia copertura dei mercati; non si sottovaluti il fatto che, trattandosi appunto di uno strumento gestito, sei svincolato dalla necessità di controllare e operare quotidianamente.

Settore immobiliare

Tra IMU e tasse, senza contare le spese di gestione, il settore immobiliare classico, per intenderci l’acquisto e la vendita/locazione di edifici, è più dispendioso che redditizio. Ci si può comunque inserire in quest’ambito rivolgendosi alle piattaforme di crowdfunding immobiliare, le cui quote di ingresso sono davvero alla portata di tutti (di solito 50 o 100 euro). I progetti sono accuratamente selezionati, i tassi sono vantaggiosi e senza commissioni, e la possibilità di vendere e acquistare quote sul mercato secondario rende queste piattaforme adatte a investitori dinamici.

Investire in azioni

Sebbene sia un investimento rischioso, da consigliare agli amanti del rischio, è bene destinare una percentuale del proprio portafoglio, anche minima, alle azioni. Sono infatti tra gli asset più remunerativi, e consentono di guadagnare parecchio in poco tempo.

Naturalmente è bene prendere delle misure: controlla sempre le società su cui intendi puntare e valuta se le cedole sono davvero convenienti, anche perché la tassazione sui rendimenti è al 26%. Suggeriamo di rivolgersi a broker online regolamentati, più che alla propria banca, in modo da non dissipare eventuali guadagni in commissioni e spese di gestione.